direttore artistico: Francesco Gusmitta
home | mail
Il teatro in casa:

Rendez Vouz - un evento BussArt

BussART è fantastico, è un nuovo modo di stare assieme. Non molte persone sono state ad uno spettacolo privato a casa di qualcuno, i vostri ospiti si sentiranno parte di qualcosa di unico, speciale. Lo spettacolo sarà il pretesto per una serata diversa, una serata dedicata alla socializzazione.

In questo modo darete l’opportunità ai convenuti di entrare in quel grado di confidenza e d’intimità che solo l’arte è in grado di farvi raggiungere. Molti ritengono, inoltre, che ospitare il teatro in casa  sia un modo concreto per  sostenere l’arte della propria comunità. I vostri ospiti non dovranno vestirsi in modo formale e nemmeno elargire cospicue somme di danaro.
Essi dovranno semplicemente venire e gustarsi questa nuova e nello stesso tempo antichissima espressione artistica nel confortevole contesto della vostra casa.

La crescente popolarità del teatro in casa ha dato l’opportunità ad artisti indipendenti di costruirsi un vero pubblico. Attraverso questa forma di convivio dell’arte, La Bussola dell’Attore porterà il teatro in casa vostra e condividendo lo spettacolo con la cerchia delle vostre amicizie più intime, darete un notevole contributo alla carriera di un artista.
I festival, i grandi teatri e le grandi strutture sono importanti, ma solo e soprattutto nel dare un assaggio dell’artista in questione. Il teatro in casa rappresenta qualcosa di intimo, vicino, personale. Si può quasi dire che la differenza tra uno spettacolo in casa ed uno in un ambiente più grande sia come paragonare la notte al giorno.

Cos’è uno spettacolo BussART in casa?
La Bussola dell’Attore nasce gemellata ad una realtà molto importante del casertano che porta il nome illustre di” Fabbrica Wojtyla”. Il nostro direttore, Francesco Gusmitta, è l’unico lettore ufficiale, che ha il permesso di leggere i magnifici versi dell’Arpista di Karol Wojtyla, l’uomo.

BussART prende spunto dal passato. Quando la gente si riuniva nei salotti per ascoltare dal vivo le riflessioni generate dall’arte. La piacevolezza di riunirsi con gli amici con il pretesto dell’arte permetteva alle persone di pensare.
Tutto questo accadeva prima dell’avvento dell’era tecnologica, quando nessuno aveva la possibilità di ascoltare musica da un impianto stereo, o di assistere ad un film alla televisione. Avere un’artista dal vivo era l’unica vera possibilità per avere un contatto intimo con l’arte .
Oggi, la maggior parte di noi è abituata a concerti e spettacoli in cui l’artista non è accessibile. Avere invece la possibilità di creare uno spettacolo a casa propria, in un ambiente raccolto, fornisce un occasione unica nel suo genere.
Proporre BussART, il teatro in casa, diventa un evento originale dove il pubblico è così vicino all’artista da poter godere appieno della sua performance addirittura cogliendone le più piccole le sfumature, dall’espressione del volto al  sentirne il respiro, prima ancora dell’emissione di un suono attraverso le corde vocali. Ascoltare il famoso silenzio che pesa, che … parla.
In questo modo l’ospite oltre a vivere al meglio lo spettacolo, avrà anche l’occasione d’incontrare e chiacchierare con l’artista.
La forma di comunicazione che portiamo di casa in casa con BussART prende spunto dal teatro rapsodico di Karol Wojtyla. Lui all’epoca si ribellava al nazismo prendendo spunto dai rapsodi dell’antica Grecia.

PER INFO: 3395840041

PER SAPERNE DI PIU' SCARICA IL DOC. IN PDF.

Copyright©info.era srl